Thousands of Islamists perform a prayer as they stage a rally in front of Cairo's University on December 1, 2012, in support of Egypt's President Mohamed Morsi's new expanded powers and the drafting of a contested charter, in a clear show of Egypt's widening polarisation. The demonstration in the heart of Cairo comes a day after tens of thousands of Morsi opponents converged on Tahrir Square to protest against the president's decree and the speedy adoption of the draft constitution. AFP PHOTO / KHALED DESOUKI (Photo credit should read KHALED DESOUKI/AFP/Getty Images)

C’è un convitato di pietra, a cui ogni tanto si accenna quando si parla dell’assassinio di Giulio Regeni. È una parola all’apparenza rassicurante, e allo stesso tempo saggia. Stabilità. È la stabilità dell’Egitto alla quale dobbiamo guardare con estrema attenzione, nel nostro delicato ruolo politico nel Mediterraneo.

Leggi l’articolo do Paola Caridi e di Azzurra Merignolo su AffarInternazionali

Annunci